Speciale Cannes 70: La dolce vita, di Federico Fellini

Marcello! Come here! Hurry up!

Ladolcevita_locandinaCi voleva il genio visionario di Fellini per omaggiare degnamente il fascino contradditorio della Roma indolente di fine anni Cinquanta, dalle borgate ai folleggianti club notturni, raffinata e mignotta, pagana e bigotta, forse più mito americano che realtà nostrana. Il nostro Speciale sul 70° Festival di Cannes pesca dal suo forziere un’altra pregiatissima Palma d’Oro italiana – dopo aver già affrontato la Palma delle Palme firmata da Visconti – uno dei capolavori di Federico Fellini, forse il più grande regista italiano mai esistito e certamente tra i più eccelsi cineasti a livello mondiale; La dolce vita è una celebrazione dolceamara dello stile di vita esagerato, snob, ridicolo e fanfarone del jet-set col suo ronzante nugolo di paparazzi, una storia sceneggiata senza soluzione di continuità in cui il popolino romano, devoto tanto alle star quanto alle statue, fa le sue incursioni pagliaccesche con i consueti, impagabili caratteristi dell’universo felliniano.

Dolce Vita, La

Scritta a più mani da Fellini, Flaiano e Pinelli, a cui vanno aggiunte le collaborazioni di Pasolini e Rondi, la bizzarra sceneggiatura (peraltro ampiamente rimaneggiata successivamente) non convinse il produttore De Laurentiis che la rigettò, lasciando così la gloria imperitura alla Cineriz di Angelo Rizzoli. La storia mette al centro le peregrinazioni notturne del giornalista scandalistico Marcello, interpretato da un cinico, mellifluo, elegantissimo Marcello Mastroianni, amato alla follia dalla fragile fidanzata Emma (Yvonne Furneaux) che cerca disperatamente le sue attenzioni reiterando tendenze suicide, mentre egli rincorre senza posa le dee notturne, sensuali e chic, che frequenta per il suo lavoro. Una Roma vintage e pacchiana, traslucida, fotografata divinamente da Otello Martelli con uno sfoggio di favolosi chiaroscuri, ottimamente restaurati da Cineteca Bologna in una recente edizione bluray.

la-dolce-vita-helicopters

La sequenza iniziale apre con una panoramica mozzafiato sulla capitale mentre due elicotteri la sorvolano, uno dei quali porta agganciata ad un cavo una statua del Cristo a braccia aperte. Gli elicotteri si soffermano sopra il tetto di un palazzo dove un gruppetto di avvenenti signore prende il sole e saluta con fare civettuolo. Ecco riassunta la verve allegramente dissacrante di Fellini, che lungi dal presentarsi come un fustigatore della moralità religiosa alla Dreyer, ci gioca in tono buffonesco cogliendone l’aspetto contradditorio e segretamente accomodante con il demonio della mondanità. Vedremo lo spettacolo patetico delle apparizioni miracolistiche, la mini processione privata per una attempata principessa. Ma vedremo anche la crisi del giusto Steiner (Alain Cuny), amico e punto di riferimento per Marcello, che con toni ben più cupi rimanda alla frantumazione di una illusoria serenità interiore.

Ladolcevita_Ekberg

Il Fellini più autenticamente carnale sta nelle forme giunoniche della diva Silvia (Anita Ekberg), scatenata nel suo ballo frenetico tra le vestigia dell’antica Roma, ululante nella campagna notturna a due passi da una lucente Triumph nera decappottabile, in posa nell’iconico bagno alla Fontana di Trevi. Un uomo ossessionato dalle donne, invaghito dalla sensualità femminile proprio come il protagonista Marcello, che le guarda inebetito come un voyeur (le mani di Mastroianni mimano la carezza ma non osano sfiorare il corpo della Ekberg immersa nella fontana come una dea) o dà libero sfogo gli impulsi più sfrenati (lo stesso Mastroianni che umilia la ragazza di campagna al party orgiastico in una villa di Fregene).

ladolcevita_afterparty

Notevole come di consueto la colonna sonora del maestro Nino Rota, della quale è rimasta scolpita nella memoria collettiva la celebre e suggestiva La bella malinconica, oltre all’atmosfera soffusa e struggente del Notturno o Mattutino. Ai brani originali del compositore si affiancano alcuni pezzi degli albori dei Roaring Sixties, tra cui uno scatenato rock’n roll di Adriano Celentano e il famoso cha cha cha Patricia di Pérez Prado, oltre a qualche gemma del repertorio classico dalla Toccata e Fuga di Bach al charleston Lola, dallo standard jazz Stormy Weather a un medley tra can can e Jingle Bells.

___

La dolce vita (1960, Italia/Francia)

Regia: Federico Fellini

Soggetto e sceneggiatura: Federico Fellini, Tullio Pinelli, Ennio Flaiano, Brunello Rondi, Pier Paolo Pasolini (non accreditato)

Fotografia: Otello Martelli

Interpreti principali: Marcello Mastroianni (Marcello), Yvonne Furneaux (Emma), Anita Ekberg (Silvia), Anouk Aimée (Maddalena), Magali Noel (Fanny)

Annunci

6 thoughts on “Speciale Cannes 70: La dolce vita, di Federico Fellini

  1. Incredibilmente il giorno prima della pubblicazione di questo articolo avevo finalmente recuperato la visione di questa pellicola! Inquietante!
    Il fil invece è MERAVIGLIOSO! Mi ha lasciato un sacco dentro, fantasie, sgradevolezza, disagio, erotismo, sogni…una marea di moti interiori!
    Kalos

    1. Eh eh coincidenza magica 🙂 Dici benissimo, La dolce vita arriva dentro e non lascia indifferenti; e l’effetto sconvolgimento interiore raggiunge il suo vertice con Otto e mezzo.

Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...