touch of modern: Il clan dei siciliani, di Henri Verneuil

Il clan dei siciliani 01Non nutro un grande interesse per il poliziesco francese e fino a qualche anno fa anche il “crime film” mi faceva storcere il naso, nondimeno con il tempo ho iniziato ad approcciarmi al genere e così sono giunto a questa pellicola d’epoca, tratta da un romanzo di Auguste Le Breton.

Protagonista è un criminale francese, Roger Sartet, interpretato dal sempre bel pischello Alain Delon. Un bel giorno si intrufola nel potente clan malavitoso dei Manalese, siciliani come il titolo lascia intuire. Prima che nelle grandi produzioni di Hollywood (da Il padrino a Quei bravi ragazzi), quindi, la mafia italiana espatriata è al centro della trama, ma si muove in questo caso non nell’ambiente delle metropoli americane, cui siamo abituati, ma in quello delle città e delle campagne d’Oltralpe.

Tra i vari film europei di questo genere è forse uno dei più meritevoli e anticipa quelle produzioni di un certo peso e considerevole budget cui accennavo prima. Insisto sul confronto con le produzioni successive, forse con un po’ di ridondanza, ma per ribadire che, a mio avviso, pur non raggiungendo chiaramente i fasti di un C’era una volta in America o delle altre opere succitate, merita senza dubbio uno sguardo ed è in qualche modo un loro precursore. L’impegno profuso per offrire un prodotto qualitativamente buono è visibile e il risultato non disprezzabile.

Il clan dei siciliani 02

Lo si evince dal cast: ad affiancare Delon troviamo attori sperimentati e con un’imponente filmografia al proprio attivo. Jean Gabin interpreta il capofamiglia dei Manalese, mentre Lino Ventura è il commissario LeGoff, che è l’unico personaggio di un certo spessore “dall’altra parte della barricata”; rispetto ad altri film di questo genere, i poliziotti risultano tutto sommato “puliti” e costituiscono un reale problema per Sartet e i siciliani, trasmettendo spesso un senso di claustrofobia se ci si immedesima nei protagonisti, per i quali ci si chiede come riusciranno a cavarsela, braccati come sono. Irina Demick veste i panni della nuora del capofamiglia, che assieme a Delon ha la malaugurata idea di mettere le corna al marito, con tutte le conseguenze del caso. Amedeo Nazzari, infine, è Tony Nicosia, criminale italiano con cui i Manalese si alleano per una grossa rapina.

Le musiche sono anch’esse di ottima fattura e infatti sono il prodotto della mente del geniale Ennio Morricone, capace di infondere la giusta suspense e il giusto pathos alle composizioni di questo film sfaccettato, che alterna momenti di azione, altri romantici, altri di tensione.

Il clan dei siciliani 03

Il regista Henri Verneuil mostra una buona professionalità, regalandoci un film certamente “commerciale”, ma non privo di introspezione, ricercatezza e una trama tutto sommato interessante, che mescola nel personaggio di Delon il protagonista di un dramma sentimentale (ma se l’è andata a cercare, diciamocelo), l’ideatore principale di un’importante rapina e la preda in una serrata caccia all’uomo svolta dal segugio LeGoff. Tradimenti e accordi di convenienza, alleati che diventano nemici e voltafaccia di comodo sono all’ordine del giorno e contribuiscono a rendere avvincente la storia.

Due ore di minutaggio sono forse leggermente eccessive, ma non si può rimproverare al film una grande dispersività, dal momento che riesce a mantenere viva l’attenzione senza grossi scivoloni. Anticipare il finale sarebbe un crimine, ma ritengo che anch’esso sia stato azzeccato.

___

Le clan des siciliens (1969, Francia / USA, 117 min)

Regia: Henry Verneuil

Musiche: Ennio Morricone

Interpreti principali: Alain Delon (Roger Sartet), Jean Gabin (Vittorio Manalese), Lino Ventura (LeGoff), Irina Demick (Jeanne Manalese), Amedeo Nazzari (Tony Venura)

Un pensiero riguardo “touch of modern: Il clan dei siciliani, di Henri Verneuil

Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.