i top & flop del trimestre (termometro delle sale aprile/giugno 2019)

termometro top&flopDopo un primo trimestre molto deludente, il secondo trimestre 2019 ha registrato dati in leggero miglioramento, anche grazie all’uscita di alcuni film che hanno portato buoni incassi. Il 2019 ha ora messo la testa avanti rispetto al 2018, ma oggi, più che ai ricavi al botteghino, l’attenzione sarà rivolta al gradimento delle pellicole uscite nel trimestre, rispolverando il nostro #termometrodellesale, lo strumento con cui analizziamo il consenso del pubblico e della critica per i film usciti al cinema.

Riepiloghiamone il funzionamento: i voti sono tratti da sei dei principali siti di cinema italiani e internazionali (IMDb, Rotten Tomatoes, Metacritic, MyMovies, ComingSoon e Film TV) e riproporzionati in 100esimi per creare una scala confrontabile e calcolare un voto medio (e si sa che, generalmente, le medie non mentono, soprattutto quando sono medie delle medie, come in questo caso).

Tra i circa 130 film usciti dall’ultima settimana di marzo all’ultima di giugno abbiamo preso in considerazione soltanto le opere (51 su 130) che avevano un giudizio su ciascuno dei sei siti predetti (il minimo sindacale per entrare nel termometro).

Dopodiché abbiamo estrapolato i top 10 e i flop 5 del trimestre.

Eccoli qui:

Avengers: Endgame (voto medio 81,4)

Dolor y gloria (voto medio 80,5)

I figli del fiume Giallo (voto medio 78,9)

John McEnroe – L’impero della perfezione (voto medio 78,1)

Cafarnao – Caos e miracoli (voto medio 78,1)

Border – Creature di confine (voto medio 77,1)

Noi (voto medio 77,1)

Sarah & Saleem – Là dove nulla è possibile (voto medio 76,9)

Stanlio e Ollio (voto medio 76,6)

John Wick 3 – Parabellum (voto medio 75,4)

***

Red Joan (voto medio 50,6)

After (voto medio 48,4)

Arrivederci professore (voto medio 47,8)

Hellboy! (voto medio 44,5)

Attenti a quelle due (voto medio 44,2)

***

E per chi volesse approfondire, ecco i dettagli dei voti dei top & flop.

[Dati aggiornati al 29 giugno]

15 pensieri riguardo “i top & flop del trimestre (termometro delle sale aprile/giugno 2019)

  1. ATTENTI A QUELLE DUE è già candidato al Premio CHIAVICA 2019 (lo assegnerò la notte del 31/12); il giudizio di Mymovies, che lo tiene quasi a galla, è inspiegabilmente troppo benevolo

  2. La presenza di Red Joan tra i flop è uno scandalo: è di gran lunga il miglior film uscito al cinema non solo nel trimestre Aprile – Giugno, ma nell’intero 2019.
    Mi sorprende anche il piazzamento altissimo di Dolor y gloria. Sembra fatto apposta per conciliare il sonno: non solo perché è un film di una noia mortale, ma anche presenta di continuo persone che si mettono a letto. Ovviamente già alla terza scena di questo tipo avrei voluto imitarli sprofondando nella poltrona, ma purtroppo quelle del cinema in cui l’ho visto erano molto ravvicinate e tremendamente scomode, quindi ho dovuto restare sveglio dal primo all’ultimo minuto. Praticamente una cura Lodovico. 🙂

    1. cura Ludovico 😀 😀
      che dire, nel registrare la tua opinione non posso che limitarmi ad analizzare i dati…
      e i dati dicono che, effettivamente, il voto di Dolor y Gloria è molto alto (sopra gli 80/100 di media), con tutti e sei i siti (quindi sia pubblico che critica) che gli danno voti ampiamente positivi…
      quanto a Red Joan ha stupito anche me, ma pure qui le opinioni sembrano abbastanza concordi: 4 siti su 6 con voti bassi o molto bassi, IMDB appena sufficiente e il solo Coming Soon (che però è notoriamente buonista nei voti ai film) che gli dà un 7/10 (voto che però per Coming Soon è da considerarsi basso)…
      so che sembra un po’ una “ragioneria del consenso” ma tant’è… a volte serve pure questo… 😉

      1. nel senso che giudicare i film snocciolando numeri non è mai il massimo della vita…
        sicuramente le ragioni che ti hanno fatto piacere così tanto Red Joan, argomentate a dovere, prevalgono su qualsiasi mera elencazione di cifre…
        intendevo più o meno questo…

      2. Hai ragione, avrei dovuto spiegare più dettagliatamente le ragioni per cui ho apprezzato così tanto Red Joan.
        Prima di tutto è un film che fila liscio come l’olio: di norma quando vedo un film interrompo la visione ogni 10 minuti per far riposare gli occhi, in questo caso invece la trama era così coinvolgente e scorrevole che me lo sono visto tutto d’un fiato.
        In secondo luogo, non ha nessun tempo morto. Fino agli anni 90 questo sarebbe stato scontato, ma dagli anni 2000 in poi i film hanno cominciato ad essere letteralmente strapieni di tempi morti: se guardi un film uscito dal 2000 in poi, ti accorgerai che su 2 ore di durata almeno mezz’ora complessiva di noia te la becchi quasi sempre. Qua invece non c’è un solo tempo morto, e ogni singolo secondo di girato è assolutamente necessario per lo svolgimento della trama.
        Infine, la storia. E qui non posso aggiungere altro perché altrimenti farei spoiler, ma ti assicuro che la sceneggiatura è davvero stratosferica. Grazie mille per la piacevole chiacchierata! 🙂

  3. Dolor y gloria a me è sembrato poco convincente, ma d’altronde non sono fan di Almodóvar al contrario, pare, di tutto il resto del mondo!
    E povero Neil Marshall col suo Hellboy… Io sto aspettando ancora una spiegazione del perché sia uscito così male!

Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.