Alberto Sordi *100* – i dieci ruoli più celebri e celebrati

Oggi si celebra il centenario della nascita di Alberto Sordi, nato a Roma il 15 giugno 1920. E il mondo del cinema festeggia – coincidenza che si spera beneaugurante – con la riapertura delle sale, dopo tre mesi di chiusura forzata per l’emergenza Coronavirus.

L’attore e regista romano non ha sicuramente bisogno di presentazioni, né è possibile sintetizzare in poche righe una carriera straordinaria che ha attraversato tutta la seconda metà del Novecento.

Il nostro omaggio si limiterà, pertanto, ad una carrellata in cui ripercorreremo dieci tra i suoi ruoli più celebri e celebrati, scelti tra gli oltre centocinquanta lungometraggi cui ha preso parte.

I numeri fanno ben capire come possa essere stata complicata questa selezione, ma chiunque voglia può ovviamente segnalare eventuali opere non incluse nella decina, ma degne di essere ricordate in questa occasione (e saranno molte, ce ne rendiamo conto).

***

Alberto ne I vitelloni, di Federico Fellini (1953)

***

Ferdinando “Nando” Mericoni, detto Santi Bailor in Un americano a Roma, di Steno (1954)

***

Alberto Boccetti ne Il conte Max, di Giorgio Bianchi (1957)

***

Oreste Jacovacci in La grande guerra, di Mario Monicelli (1959)

***

Il Sottotenente Alberto Innocenzi in Tutti a casa, di Luigi Comencini (1960)

***

Otello Celletti ne Il vigile, di Luigi Zampa (1960)

***

Guido Tersilli ne Il prof. dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue, di Luciano Salce (1969)

***

Giovanni Vivaldi in Un borghese piccolo piccolo, di Mario Monicelli (1977)

***

Giovan Maria Catalan Belmonte / Franchino/ La spalla del capocomico ne I nuovi mostri, di Mario Monicelli, Dino Risi ed Ettore Scola (1977)

***

Onofrio del Grillo / Gasperino il carbonaio ne Il marchese del Grillo, di Mario Monicelli (1981)

12 pensieri riguardo “Alberto Sordi *100* – i dieci ruoli più celebri e celebrati

  1. Selezione complicatissima: almeno per oggi avreste dovuto allargare a venti film. Impossibile lasciare fuori Una vita difficile, Detenuto in attesa di giudizio, Bello, onesto, emigrato australia…, Il maestro di Vigevano, Il boom, Mafioso, I magliari, Il vedovo, L’arte di arrangiarsi, Un eroe dei nostri tempi e una qualunque delle piccole parti de Il medico e lo stregone e I sette re di Roma.
    Impossibile da arginare, Albertone.
    Aveva ragione Nanni Moretti: Ce lo siamo meritati, Alberto Sordi. Eccome!
    Ciao, Vince’!

    1. Ciao Giampiero,
      eh, c’hai ragione… dieci ruoli per Albertone sono troppo pochi…
      del resto è arrivato a girare anche dieci film in un anno… e se ce ne ricordiamo così tanti vuol dire che qualità e quantità andavano a braccetto…

  2. Io vorrei porre l’attenzione sulla straordinaria performance di Sordi ne “I nuovi mostri”. L’episodio con Franchino protagonista è struggente e commovente. Franchino potremmo essere tutti noi. E il Belmonte è uno dei personaggi più iconici del cinema italiano. Eccezionale.
    Tra i film “minori” di Sordi vorrei citare “Tutti dentro”, esemplare Albertone nei panni del magistrato con il look alla De Michelis. Il film non è eccezionale, ma ha un finale superbo.

    1. guarda, con I nuovi mostri sfondi una porta aperta… e in particolare con l’episodio di Giovan Maria Catalan Belmonte (preposto camerier del soglio pontificio), che è straordinario!!

  3. E’ stato grande quando lo hanno diretto veri registi come Fellini, Lattuada, Comencini, Zampa, Scola, Nanni Loy ecc
    Ma quando ha voluto dirigere se stesso ha sprecato il suo talento in modo orribile (IL MALATO IMMAGINARIO, SONO UN FENOMENO PARANORMALE, UN TASSINARO A NEW YORK, TUTTI DENTRO e tanti altri disastri)
    Er mejo film di Sordi? Secondo me IL MAESTRO DI VIGEVANO

    1. non per niente lo ricordiamo tutti come grande attore e non come grande regista, nonostante abbia diretto un numero assolutamente non trascurabile di film
      ce doveva provà, mettiamola così, per essere concilianti

  4. Credo che, visto il gran numero di titoli a disposizione, abbiate fatto un’ottima selezione! Però vorrei aggiungere due commedie che a me piacciono tanto: il già citato Il Vedovo, dove Sordi cerca di eliminare la ricca e acida moglie Franca Valeri e il titolo wertmulleriano Ce la faranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa? di Scola che è davvero divertentissimo, con un altrettanto grande Nino Manfredi!

Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.