Speciale Box Office – L’effetto Tenet

In un panorama cinematografico innegabilmente in affanno, dopo una riapertura che non ha mai portato nelle sale un numero soddisfacente di spettatori, è piombato, d’un tratto, il fenomeno Tenet, l’ultimo film di Christopher Nolan (ne abbiamo parlato qui), che nelle speranze dei distributori e degli esercenti avrebbe potuto costituire il vero momento di svolta per il definitivo rilancio delle sale.

È andata così? Andiamo a scoprirlo, esaminando, innanzitutto i dati del box office delle undici settimane successive alla riapertura (15 giugno).

Ebbene, Tenet lo scossone alle sale lo ha dato eccome, come mostra efficacemente il grafico sottostante.

Nell’undicesima settimana, quella dal 24 al 30 agosto, il numero di spettatori che ha frequentato i cinema della penisola è passato da circa 160.000 a 460.000 (dato quasi triplicato). E va considerato che il dato della settimana dal 17 al 23 agosto era a sua volta in netta crescita rispetto a quello della settimana precedente (quella di Ferragosto, che aveva registrato circa 90.000 presenze).

La continua crescita nel corso delle settimane va di pari passo con l’aumento del numero di sale aperte (le due linee mostrano un andamento analogo, con le sale che hanno in realtà anticipato di una settimana il grosso delle riaperture, per poi essere ripagate la settimana seguente con l’uscita di Tenet).

Ma la domanda successiva che bisogna porsi è la seguente: Tenet risolleverà davvero le sorti del cinema? O è semplicemente una pellicola che ha incassato molto più delle sue concorrenti, relegate su numeri abbastanza risibili?

Per tentare di dare una risposta abbiamo arrischiato un paragone tra gli incassi registrati nei primi sette giorni di programmazione da Tenet e quelli di Dunkirk, il precedente film di Nolan.

Per anticipare le (ovvie) eccezioni che potrebbero essere mosse rispetto all’opportunità di questo paragone si forniscono i seguenti spunti di riflessione.

Vero che la stagione in corso non è paragonabile ad una normale stagione cinematografica, ma Tenet ha potuto beneficiare, pur in un contesto sicuramente difficile per le sale:

  • della assenza di rivali di livello paragonabile;
  • di un hype clamoroso, che ha raggiunto livelli che difficilmente si ricordano per pellicole simili, anche per il periodo pre-lockdown (un hype dovuto proprio a questo ruolo presuntamente salvifico affidato al film);
  • di una distribuzione su un numero di sale maggiore rispetto a quelle di Dunkirk (801 copie medie per la prima settimana contro 613, cosa che ha parzialmente bilanciato l’effetto della ristretta capienza nelle sale).

Sono elementi sicuramente non risolutivi (ovvio!), ma che vanno tenuti in considerazione e che rendono i 2,5 milioni di euro incassati in Italia da Tenet nei primi 7 giorni un risultato davvero notevole, sebbene inferiore ai 4 milioni della prima settimana di Dunkirk.

Di seguito l’andamento dei due film nei primi sette giorni della loro programmazione.

Insomma, a fronte di valori assoluti difficilmente paragonabili, sembra che Tenet stia andando davvero oltre le aspettative, ma per dare giudizi definitivi occorre aspettare almeno le prossime due settimane.

Resta la sensazione che il ruolo di Tenet quale salvatore delle sale sia comunque gonfiato, a fronte di un film che sta sì registrando numeri importanti (e superiori alle attese), ma comunque non di livello tale da costituire un vero e proprio rilancio per gli esercenti.

Basti pensare che l’anno scorso Il re leone, uscito nello stesso periodo (seconda metà di agosto), aveva incassato circa 37,5 milioni di euro. Ovviamente non sono pellicole paragonabili, ma gli esercenti avrebbero forse preferito un blockbuster di grande richiamo per il definitivo rilancio delle sale. Qualcosa in grado di riportare nei cinema soprattutto le famiglie.

E invece è arrivata la doccia fredda della notizia con cui Disney ha annunciato che Mulan uscirà in streaming VIP (ossia con costo ulteriore rispetto al normale abbonamento) su Disney+.

4 pensieri riguardo “Speciale Box Office – L’effetto Tenet

  1. Stavo proprio pensando a Mulan prima che lo nominassi! Sarebbe stato necessario proprio un film di richiamo massiccio come quello, o lo stand-alone su Vedova Nera, targato MCU, per richiamare le frotte di pubblico di cui il cinema avrebbe bisogno. Il rischio, come scrivi anche tu, è soprattutto che una volta esauritosi il fenomeno di Tenet la frequentazione torni prossima allo zero… purtroppo nulla mi fa cambiare idea sul fatto che il 2020 sia un anno bruciato, cinematograficamente parlando.

    1. … e invece ieri è arrivato After 2 e – sorpresa – ha superato il dato di Tenet e addirittura quello del primo After!
      Va bene che di sti tempi per solidarietà con gli esercenti siamo anche disposti a gioire per una notizia simile, però è la conferma che Tenet era stato caricato un po’ troppo…

  2. Lavoro in un cinema da molto tempo e sottoscrivo appieno la sua analisi, Tenet non sta affatto salvando il cinema e proprio ieri qui da noi in Italia il film e’ stato sorpassato (e di brutto) dall’uscita di
    After 2 (ed evitero’ di commentare sul significato per non offendere nessuno…). I numeri fatti non sono comunque soffisfacenti, pessimo rapporto incasso/spese.

    Gli esercenti devono solo pregare che l’eperimento Mulan non vada a buon fine perche’ l’incasso
    andrebbe totalmente al distributore, per non parlare del fatto che nessuno passera’ al bar,
    momento importante per questo tipo di film.

    Incrociate le dita cari esercenti…

    1. Grazie per il commento, anche perché arriva da chi lavora nelle sale e conosce benissimo la situazione.
      Su Mulan siamo in tanti a sperare che l’esperimento fallisca. E francamente non vediamo come possa andar bene, con un film per cui si chiedono 22 euro in più a fronte di un abbonamento che già si paga, quello a Disney+…
      e per un’esperienza domestica, peraltro, non di certo paragonabile a quella della sala!!

Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.