Speciale Oscar 2019: Cafarnao, di Nadine Labaki

Nelle sale italiane, Cafarnao arriverà solo il 18 aprile, in definitivo D.O. (Dopo Oscar). Quello che possiamo fare, dunque, è fornire una

RULLO DI TAMBURI

fanta-recensione-approssimativa-e-non-troppo-affidabile del film, che da quando è uscito a Cannes ha seminato un bel po’ di guazzabuglio e quindi ci dà comunque di che discutere.

La trama è semplice: in un Libano sofferente, i genitori di Zain non si prendono alcuna cura del loro bambino e della sorellina 11enne di lui. Del piccolo non sanno manco la data di nascita, della seconda sanno solo di volerla dare in sposa a un uomo adulto che, incurante del suo fisico abbozzato e ancora inadeguato, la metterà incinta. La bella bambina morirà di emorragie da parto mentre il fratellino, esausto della povertà, della noncuranza e dell’analfabetismo emotivo dei suoi genitori deciderà di scappare a vivere con una prostituta e il suo bimbo neonato.

Continua a leggere “Speciale Oscar 2019: Cafarnao, di Nadine Labaki”

anteprime: La tartaruga rossa, di Michael Dudok de Wit

la-tartaruga-rossaLo ammetto, ho scelto di vedere La tartaruga rossa anche per via del mio amore per testuggini e tartarughe. Ho scoperto per caso che sarebbe stato proiettato al cinemino locale mentre ero ospite di amici di famiglia in Francia. Oltralpe il film non è una prima visione, mentre in Italia uscirà nelle sale il 30 marzo, con colpevole ritardo. Si tratta dell’ultimo prodotto dello Studio Ghibli, l’unico che ha affidato ad un regista non giapponese, Michael Dudok de Wit, qui al suo primo lungometraggio. Il fatto che sia privo di dialoghi mi ha permesso di andare a vederlo senza problemi linguistici.

Il tema della pellicola è un naufrago che arriva, solo, su un’isola deserta di ridotte dimensioni, abitata da alcuni animali e nelle cui acque vive una tartaruga rossa.

Continua a leggere “anteprime: La tartaruga rossa, di Michael Dudok de Wit”