Su Netflix: Highwaymen – L’ultima imboscata, di John Lee Hancock

Vedere Kevin Costner con le rughe a raggiera attorno agli occhi fa un certo effetto a chi, come me, lo ha visto giovane, gigione e rampante sul grande schermo. Il sex symbol degli anni ’90, quello meno tormentato e più “classicamente hollywoodiano”, ora corricchia con i braccini alti e guardinghi (pronti a parare ogni fatale ruzzolone) e ha il fiatone; viste le parecchie similitudini con l’altro recente noir western targato Netflix, Hell or High Water – per ambientazione, tematica e, appunto, l’eroe anziano, là interpretato da un marmoreo Jeff Bridges – verrebbe da pensare che la regina dello streaming si sia affezionata alla figura del vecchio lupo spelacchiato che ritorna, per onore e senso del dovere, ad annusare le tracce sulla pista.

Continua a leggere “Su Netflix: Highwaymen – L’ultima imboscata, di John Lee Hancock”

Su Netflix: Nell’erba alta, di Vincenzo Natali

p-nell-erba-alta-film01Attendere un nuovo adattamento di un’opera di Stephen King ha sempre in sé un certo grado di morbosità, come spiare un incidente stradale particolarmente brutto. Ci deve essere una maledizione che perseguita le storie del Re – e a questo punto della sua prole – e impedisce loro di diventare film soddisfacenti che mantengano intatto lo spirito dei racconti originali. Proprio di un racconto si tratta stavolta, una novella scritta a quattro mani da Stephen King insieme al figlio Joe Hill, scrittore a sua volta e altrettanto dotato, una storia che si legge nel giro di un’ora e ha il potere di perseguitarti per lungo tempo; un risultato che, neanche a dirlo, il film tratto da Nell’Erba Alta non raggiunge, sebbene ci provi. Anzi, ci prova anche troppo, arrivando a complicare e snaturare una storia semplice e ossessionante come quella dei due Re.

Continua a leggere “Su Netflix: Nell’erba alta, di Vincenzo Natali”

Su Netflix: The Vietnam War, di Ken Burns e Lynn Novick

Chi utilizza i software di editing multimediale made in Cupertino (iPhoto, iMovie e Final Cut Pro) sicuramente avrà sentito parlare di Ken Burns, regista di documentari newyorkese il cui nome è stato associato dalla Apple ad uno dei più semplici ma suggestivi effetti di montaggio video. Il Ken Burns effect consiste nello zoomare lentamente, avanti o indietro, su una fotografia, o nello spostarsi su di essa con l’equivalente di una panoramica. Un effetto che oggi viene largamente utilizzato dai registi televisivi e dai documentaristi, e che in realtà non è stato inventato da Ken Burns, bensì soltanto da questi utilizzato intensivamente e proficuamente per i suoi documentari, tra cui la sua ultima fatica, The Vietnam War.

Continua a leggere “Su Netflix: The Vietnam War, di Ken Burns e Lynn Novick”

Su Netflix: The Last Man on the Moon, di Mark Craig (recensione espresso)

In un mondo che celebra soltanto i primi, una volta tanto è bene fermarsi ad ascoltare gli ultimi, pur quando si tratta degli ultimi tra i primi.

The Last Man on the Moon è un documentario che racconta la storia dell’ultimo uomo che calpestò il suolo lunare, nel lontano 1972, a conclusione del programma Apollo, che tre anni prima aveva portato il primo uomo sul satellite terrestre. Ma se del primo tutti conosciamo il nome, difficile trovare qualcuno che sappia chi sia stato il Last Man on the Moon.

Continua a leggere “Su Netflix: The Last Man on the Moon, di Mark Craig (recensione espresso)”

Su Netflix: Calibre, di Matt Palmer (recensione espresso)

È uno dei film più interessanti presenti sul catalogo Netflix, sebbene meno conosciuto rispetto alle opere più celebrate distribuite in esclusiva dal colosso dello streaming. Calibre, film britannico diretto da Matt Palmer, è un thriller abbastanza classico nell’impostazione, ma anche nel soggetto, che richiama eco dostoevskijane.

Una battuta di caccia tra due amici, organizzata in un bosco delle Highlands scozzesi, finisce nel peggiore dei modi e i tentativi di sistemare il guaio genereranno grossi problemi con la comunità locale, molto chiusa nei confronti dei forestieri.

Continua a leggere “Su Netflix: Calibre, di Matt Palmer (recensione espresso)”

Al cinema & Speciale Oscar 2019: Roma, di Alfonso Cuarón

Untitled design (4)

PAGELLA

Bianco e nero: ****

Qualità media del maschio adulto: **

Importanza dell’acqua: ****

Ricerca dell’Oscar alla regia: *******

In notevole ritardo sulla tabella di marcia cinematografica, sono andata a vedere Roma di Alfonso Cuarón.

Ora, al di là del fatto che ci ho messo 2 ore di film e un giro su Wikipedia a capire perché il film si intitola Roma (ve la facilito: è il nome del quartiere dove vive la famiglia protagonista), per il resto non staremo a discutere del fatto che ci sono ottime possibilità che Cuarón vinca come Miglior Film, nonché la semi-certezza che vinca come Miglior Film Straniero.

Continua a leggere “Al cinema & Speciale Oscar 2019: Roma, di Alfonso Cuarón”

Confronti (impietosi): Annientamento vs. Stalker

Iniziamo col dire che Alex Garland è tutt’altro che un tipo poco originale. Prima di dedicarsi al cinema aveva scritto alcuni romanzi, uno dei quali è diventato il soggetto di un film di successo di Danny Boyle, The Beach, con Leonardo Di Caprio nei panni del protagonista. Garland ha collaborato nuovamente con Boyle – che evidentemente aveva trovato in lui una succosa fonte di idee – scrivendogli due sceneggiature originali, quelle di 28 giorni dopo e Sunshine.

Continua a leggere “Confronti (impietosi): Annientamento vs. Stalker”

i migliori film Netflix del 2018

Nella proliferazione di liste e classifiche soggettive che circolano in queste settimane – e prima di propinarvi la nostra, di qui a qualche giorno – proponiamo l’ultima top ten pseudo-oggettiva (l’oggettività, questa chimera!) riferita all’anno che si è appena concluso: quella dei migliori film Netflix (i cosiddetti Originals) usciti nel 2018 sulla celebre piattaforma di streaming.

Continua a leggere “i migliori film Netflix del 2018”

Su Netflix: La ballata di Buster Scruggs, dei fratelli Coen

La_Ballata_di_Buster_ScruggsDove spira vento di western, trovate me. Se a dirigerlo sono i fratelli Coen, lancio il cappello in aria e lo faccio ballare a suon di revolver. Quindi, non per bullarmi con chi non ha Netflix ma io questo film l’ho visto appena lo hanno caricato a catalogo, con inesprimibile gioia nel cuore. Non starò a cantare le lodi di Joel e Ethan Coen perchè li amate anche voi; sì, punto tutto sul piatto a occhi chiusi, li amate tanto quanto li amo io, questa coppia di fantastici giocolieri sospesi tra i gusti del pubblico popcorn e le pulci della critica, in grado di accontentare tutti senza perdere un grammo di qualità. La loro scelta di saltare le sale per distribuire direttamente su piattaforma questo film a episodi ha fatto parecchio discutere, fin dall’anteprima al Festival di Venezia nella succulenta edizione di quest’anno. Lasciando all’opinione di ciascuno la spinosa questione generale (lo streaming sta distruggendo il cinema o lo sta semplicemente trasformando?), nello specifico il format adottato dai due registi per questo film si attaglia senza particolare rammarico alla visione casalinga.

Continua a leggere “Su Netflix: La ballata di Buster Scruggs, dei fratelli Coen”