Box Office 01/2019: i 10 film più visti al cinema nel mese di gennaio

Il confronto tra i due mesi mediamente più ricchi per i cinema della penisola si è concluso con un leggero vantaggio di dicembre 2018 su gennaio 2019. Vero che la rilevazione di dicembre era stata fatta su un periodo di 33 giorni (dal 29 novembre al 31 dicembre), contro i 31 di gennaio, ma anche togliendo quei due giorni di novembre i dieci film più visti del mese di dicembre la spuntano sui dieci più visti di gennaio 2019 per oltre due milioni di euro (57,7 vs 55,3 milioni).

Altro dato interessante è il testa a testa pazzesco che c’è stato tra i primi due classificati (probabilmente già saprete di quali film si tratta, diversamente lo scoprirete tra poco).

Continua a leggere “Box Office 01/2019: i 10 film più visti al cinema nel mese di gennaio”

i dieci film più attesi nelle sale nel mese di febbraio

Ci siamo lasciati lo scorso Natale con i film più attesi in uscita nelle sale fino alla fine di gennaio. Nel ricordare che a partire da oggi troverete nei cinema pellicole di primo piano come Green Book (candidato come miglior film agli Oscar e vincitore del Golden Globe come miglior film commedia o musicale e del Darryl F. Zanuck Award al miglior film ai prestigiosi Producers Guild of America Awards) e Il primo re, andiamo a vedere quali sono i titoli più attesi in uscita nelle sale nel mese di febbraio.

Continua a leggere “i dieci film più attesi nelle sale nel mese di febbraio”

Speciale Oscar 2019: BlacKkKlansman, di Spike Lee

54849Negli ultimi due anni sono stati davvero in tanti, direi quasi sospettosamente tanti, a realizzare film ambientati nel passato che avessero come scopo reale quello di parlare dell’America contemporanea criticandone, in particolare, la politica del suo Presidente. Al coro si aggiunge ora la voce roboante di Spike Lee, che dirige un film potente come se ne vedono purtroppo pochi, dimostrando di avere ancora molto da dire e di sapere ancora molto bene come farlo. Come molti di quelli che l’hanno preceduto in quest’operazione, Lee guarda al passato per parlare del presente, scegliendo di raccontare un episodio forse minore della storia recente statunitense ma che gli apre infinite possibilità di polemica; e in BlacKkKlansman non se ne lascia scappare neanche una.

Continua a leggere “Speciale Oscar 2019: BlacKkKlansman, di Spike Lee”

Tabella di marcia per la notte degli Oscar

Il countdown è avviato e ormai manca poco meno di un mese. Nella serata di domenica 24 febbraio, quando in Italia sarà notte fonda, verranno assegnati gli Academy Awards relativi alla stagione 2018. I candidati, ufficializzati questa settimana, li conosciamo ormai tutti, ma noi ci siamo comunque divertiti a scombussolare i classici elenchi per tipo di premio per fornire una lista organizzata per film, sulla base del numero di nomination ricevuto da ciascuno di essi.

Ma prima una comunicazione di servizio.

Continua a leggere “Tabella di marcia per la notte degli Oscar”

Giornata della memoria: tre film sull’olocausto, per non dimenticare

Oggi si celebra il Giorno della memoria, la ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite per commemorare le vittime dell’olocausto. La data del 27 gennaio fu scelta in quanto in quel giorno del 1945 le truppe dell’Armata Rossa, che avanzavano verso la Germania, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz, abbandonato dalle S.S. non dopo aver cercato di eliminare (almeno in parte) le prove dello sterminio.

Continua a leggere “Giornata della memoria: tre film sull’olocausto, per non dimenticare”

i nostri sondaggi: Toni Servillo ne fa 60. Vota le sue migliori interpretazioni

Oggi compie 60 anni un grande nome del cinema italiano contemporaneo, un attore che soprattutto negli ultimi dieci anni è uscito alla ribalta conquistando un posto di primo piano nel panorama degli interpreti maschili della penisola. Il 25 gennaio del 1959 nasceva ad Afragola Marco Antonio Servillo, detto Toni, pluripremiato attore di formazione teatrale, famoso per le sue collaborazioni con Mario Martone (con cui ha girato cinque film, soprattutto nella fase iniziale della sua carriera) e Paolo Sorrentino, di cui è diventato l’attore feticcio (cinque i lungometraggi del regista napoletano -più un film tv- cui Servillo ha partecipato, tutti come protagonista o coprotagonista).

Continua a leggere “i nostri sondaggi: Toni Servillo ne fa 60. Vota le sue migliori interpretazioni”

Due anni con L’ultimo Spettacolo – con i post più letti (e i più riletti), alcune novità e ben due premi!

L’ultimo Spettacolo compie oggi due anni di vita. Lo sappiamo – perché ce lo dicono in tanti – che sembra che bazzichiamo questi lidi da molto più tempo. Insomma, li portiamo davvero male questi due anni! Ma del resto – contrariamente a quanto avviene nella vita reale – per un blog sembrare più vecchi di quanto si è dovrebbe essere un buon segno, perché significa che si è sufficientemente vivi e presenti, nonché riconosciuti, nel mondo della blogosfera.

Vogliamo ringraziare i nostri circa 400 iscritti e le migliaia di visitatori occasionali che ogni mese danno un’occhiata alle nostre pagine (a volte assolutamente per caso, ma di questo ne parleremo più avanti).

Continua a leggere “Due anni con L’ultimo Spettacolo – con i post più letti (e i più riletti), alcune novità e ben due premi!”

Al cinema: Glass, di M. Night Shyamalan (no spoiler)

Tocchiamola piano fin da subito: Shyamalan ha fallito clamorosamente. E le radici di questo delitto perfetto che si chiama Glass sono da ricercare negli ultimi dieci secondi di Split, in quell’epilogo con cui il regista di origine indiana ha voluto sacrificare un’opera di assoluto valore (parlo di Split) sull’altare della sequelizzazione. Perché al giorno d’oggi se non fai una trilogia non sei nessuno e Shyamalan non avrà voluto essere da meno quando ha pensato di collegare quel film su un criminale affetto da un disturbo dissociativo dell’identità ad una sua precedente opera in cui trattava – in maniera interessante, c’è da dire – il tema del supereroe, quando ancora non era inflazionato come ai giorni nostri (correva l’anno 2000).

Continua a leggere “Al cinema: Glass, di M. Night Shyamalan (no spoiler)”

Quell’assurda decina: #9 – Dogville, di Lars Von Trier

Correva l’anno 2003 quando Dogville viene presentato in concorso al Festival di Cannes. Lars Von Trier è reduce da una Palma d’Oro, vinta tre anni prima per Dancer in the Dark, e dalla fondazione del movimento Dogma 95 con cui, insieme all’amico regista Thomas Vinterberg, si proponeva di dare una scossa al cinema contemporaneo, con precise regole stilistiche e contenutistiche, formalizzate in un manifesto programmatico. Regole da cui gli stessi fondatori si discosteranno ben presto, rimanendo di fatto un esperimento effimero e incompiuto.

Se Idioti – sesto lungometraggio di Von Trier e secondo film del Dogma – rispettava quelle regole, già con Dancer in the Dark Von Trier se ne era di fatto discostato (e infatti il film non rientra nella continuity del Dogma). E fu un bene, c’è da dire, visto che con Dancer in the Dark Von Trier otterrà la ribalta internazionale, che probabilmente non avrebbe avuto rimanendo ancorato a quella forma di fondamentalismo registico.

Continua a leggere “Quell’assurda decina: #9 – Dogville, di Lars Von Trier”