I 20 film più visti della stagione 2019/2020

La stagione cinematografica che si è chiusa lo scorso 31 luglio è stata chiaramente una stagione diversa da tutte le altre, a suo modo unica – in negativo – dal dopoguerra ad oggi.

La pandemia ha di fatto limitato la piena operatività dei cinema a soli 7 mesi su 12, da agosto 2019 a febbraio 2020 (e con gli ultimi dieci giorni di febbraio che già avevano cominciato a risentire dei primi allarmi sul coronavirus).

Ma tant’è, e nell’incertezza di uno scenario che ancora non lascia presagire grande ottimismo per l’avvenire, riportiamo di seguito, per dovere di cronaca, l’elenco dei 20 film più visti della stagione iniziata il 1° agosto dello scorso anno e terminata a fine luglio, sulla base – come di consueto – degli incassi registrati ai botteghini.

Continua a leggere “I 20 film più visti della stagione 2019/2020”

books about movies: Professioni del cinema, di Claudio Biondi

La rivoluzione digitale ha senza dubbio modificato alcuni aspetti del lavoro dell’industria cinematografica, ma quali siano stati i settori interessati e quanto siamo cambiati non è facile da capire. Per questo motivo Claudio Biondi, produttore, regista e sceneggiatore, ha deciso di realizzare una seconda edizione del suo libro Professioni del cinema, edito da Dino Audino, per verificare se lo sviluppo delle nuove tecnologie abbia modificato l’assetto organizzativo del lavoro e abbia creato delle nuove professioni nel settore. Le conclusioni sono molto interessanti.

Secondo l’autore, ruoli professionali, regole e mezzi utilizzati per realizzare un film restano gli stessi, che si tratti della stesura di una sceneggiatura o della gestione della parte contabile di un’opera cinematografica. Cambiamenti, invece, ci sono stati sotto il profilo dei costi, nella capacità di generare scene realistiche mediante un computer e nella possibilità di montare in modo più complesso – ma al tempo stesso più veloce – le singole scene. Ma anche, ovviamente, nella possibilità di fruizione, rendendo possibile vedere un film perfino sul piccolo schermo del cellulare.

Continua a leggere “books about movies: Professioni del cinema, di Claudio Biondi”

Sean Penn in dieci ruoli indimenticabili

Oggi compie sessant’anni Sean Penn, attore e regista americano nato a Santa Monica il 17 agosto 1960. Non servono grandi presentazioni per quella che è una delle più grandi star del cinema americano degli ultimi decenni, peraltro famosa anche per il suo costante impegno nel sociale.

Di recente Sean Penn ha fatto parlare di sé per il suo terzo matrimonio, celebrato a fine luglio via Zoom, a causa della pandemia di Covid. Dopo Madonna e Robin Wright l’indomabile playboy (che vanta anche una relazione con Scarlett Johansson e Charlize Theron) ha sposato l’attrice ventottenne Leila George, figlia del mitico “palla di lardo” Vincent D’Onofrio.

Continua a leggere “Sean Penn in dieci ruoli indimenticabili”

Al cinema: High Life, di Claire Denis

high_life_locLa settimana scorsa sono finalmente tornato al cinema, vedendo il mio primo film in sala da Febbraio; erano anni che non passavo così tanto tempo senza andare al cinema, ed è stata un’esperienza un po’ estraniante, il segno che effettivamente la vita sta tornando quella di prima, nonostante la mascherina che ho dovuto/scelto di tenere indosso per tutto il tempo. La sensazione di estraniamento dovuta all’essere in sala è stata pari solo a quella provocata dal film stesso, High Life, distribuito nel 2018 ma uscito in Italia solo ora, visto che siamo sempre sul pezzo e i prodotti più impegnativi li facciamo uscire quando possiamo essere più sicuri che nessuno li andrà a vedere, tipo in una combinazione tra post-pandemia globale e canicola agostana.

Continua a leggere “Al cinema: High Life, di Claire Denis”

Al cinema: Gamberetti per tutti, di Cédric Le Gallo e Maxime Govare

Volevo scrivere un pezzo sul fatto che al momento in sala ci sono praticamente solo film francesi o francofoni. E io, mannaggia o’ putipù (cit Zorry Kid), li ho visti quasi tutti. Uno (L’anno che verrà) mi è addirittura partito a tradimento, ero andato a vedere un film svedese (o perlomeno ugrofinnico). Esco a chiederne conto e mi dicono “eh c’è un errore nella programmazione, quello non l’abbiamo”; quindi son rientrato e ad un certo punto un omino del cinema mi è comparso accanto e mi ha dato un biglietto omaggio. Che non so dove sia finito, ma inzomma. Beh era una merda.

Quindi dicevo che volevo, ma in realtà si sarebbe ridotto a un luogo zeppo di parole e lamentele per quanto siano brutti ormai i film di Xavier Dolan, e se non si sia a questo punto bruciato tutto il capitale di credibilità e aspettative che si era costruito coi suoi primi film al fulmicotone. Diciamo fino a Mommy? Cioè basta no? Oppure: a che punto diciamo basta? E su quanto fosse brutto pure L’anno che verrà, anche se ho sentito di gente a cui piace.

Continua a leggere “Al cinema: Gamberetti per tutti, di Cédric Le Gallo e Maxime Govare”

Antonio Banderas in dieci ruoli memorabili

Sessant’anni fa, il 10 agosto 1960, a Malaga, in Spagna, nasceva José Antonio Domínguez Bandera, meglio noto come Antonio Banderas, attore, regista e produttore cinematografico spagnolo divenuto famoso, per quanto riguarda la recitazione, con i film di Pedro Almodóvar, con cui debuttò all’inizio degli anni Ottanta (e con cui ha girato ben otto film).

È stato proprio un film del regista di Calzada de Calatrava, Donne sull’orlo di una crisi di nervi, a dargli la notorietà internazionale, che lo porterà a recitare anche in importanti produzioni hollywoodiane.

Dei circa ottanta film cui ha sinora partecipato (e che dovrebbero restare tali, a meno che l’attore cambi idea sul ritiro dalle scene che ha annunciato l’anno scorso), ne abbiamo selezionati dieci, quelli in cui Banderas ha avuto i suoi ruoli più celebri e celebrati.

Continua a leggere “Antonio Banderas in dieci ruoli memorabili”

Auguri a John Landis, il re dei cult anni Ottanta

Non solo Martin Sheen. Oggi è anche il compleanno di John Landis, che ne fa settanta. Il regista americano, nato a Chicago il 3 agosto 1950, è famoso per alcuni film entrati di diritto nella storia del cinema del Novecento.

Quale altro regista può vantare una filmografia che annovera quattro opere unanimemente riconosciute come dei cult uscite in soli cinque anni?

Difficile pensare a un altro nome, soprattutto se i film sono di questo livello. Forse soltanto il Carpenter del periodo 1976-1981 (o 1978-1982). Ma siamo su altri generi.

Continua a leggere “Auguri a John Landis, il re dei cult anni Ottanta”

Martin Sheen in dieci ruoli memorabili

Oggi compie 80 anni Martin Sheen, nome d’arte di Ramón Antonio Gerardo Estévez. L’attore americano, nato a Dayton, Ohio, il 3 agosto del 1940, da padre spagnolo e madre irlandese, è anche il capostipite di una famiglia che, in diversi suoi componenti, si è votata alla settima arte: Martin è infatti padre di Charlie Sheen, anch’egli attore, e di Emilio Estévez, attore e regista (che ha preferito mantenere il nome di famiglia, anziché quello d’arte, come il fratello).

Di formazione teatrale, Martin Sheen ha recitato in circa un centinaio di film per il grande schermo.

Per celebrarlo ne selezioneremo dieci, quelli in cui ha fornito le sue interpretazioni più celebri e/o memorabili.

Continua a leggere “Martin Sheen in dieci ruoli memorabili”

I 50 anni di Christopher Nolan. Vota i suoi migliori film

È uno dei cineasti più celebrati tra quelli della sua generazione e, in generale, del cinema contemporaneo.

Oggi compie cinquant’anni Christopher Nolan, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico britannico, nato a Londra il 30 luglio 1970.

I suoi film – molti dei quali ambiscono a diventare dei classici – giocano spesso col fattore tempo, come probabilmente farà la sua prossima fatica, quel Tenet che dovrebbe arrivare nelle sale questa estate, ma la cui data di uscita è già stata rimandata più volte (e anche quella da ultimo indicata del 26 agosto sembra vacillare).

Continua a leggere “I 50 anni di Christopher Nolan. Vota i suoi migliori film”