Al cinema & Speciale Oscar 2019: Vice – L’uomo nell’ombra, di Adam McKay

Con buona pace dei latinisti e dei puristi, iniziamo col dire che il titolo va pronunciato vais, altrimenti si perde il doppio senso di una parola che in inglese significa contemporaneamente vice e vizio. Non che Dick Cheney, il personaggio immortalato in questa pellicola di Adam McKay, avesse particolari vizi. O almeno: ne aveva uno soltanto, ma bello grosso. Il potere. Tanto che era pronto a dire di no alla vicepresidenza degli Stati Uniti perché ritenuto un ruolo poco prestigioso. Più o meno come uno direbbe no all’invito ad una festa di compleanno di un cugino di terzo grado.

Ma il buon Dick aveva intuito che quello non sarebbe stato un ruolo da vicepresidente come gli altri. Strette di mano, tagli di nastro alle inaugurazioni. Lì si trattava di fare il vice di George W. Bush, uno che a malapena ti sa fare la O col bicchiere.

Continua a leggere “Al cinema & Speciale Oscar 2019: Vice – L’uomo nell’ombra, di Adam McKay”

Top 20 fantascienza (dal n.20 al n.18)

fanta 7Si parte, signore e signori. A bordo dell’astronave L’ultimo Spettacolo inizia questo viaggio alla scoperta dei 20 migliori film di fantascienza, secondo il modesto parere dei cinque abitanti di questo pianeta-blog della galassia WordPress. Lo abbiamo scritto nel post introduttivo e lo ribadiamo: la classifica è assolutamente democratica in quanto derivante dall’incrocio delle top20 personali di ciascuno. Lo chiariamo ancora una volta perché è ben noto come la fantascienza sia un genere che divide parecchio i cinefili, spesso arroccati su posizioni molto distanti tra loro: ciò che è capolavoro per uno, è inguardabile per un altro, e viceversa.

Continua a leggere “Top 20 fantascienza (dal n.20 al n.18)”

contemporary stuff: Animali notturni, di Tom Ford

animalinotturni01Anziane danzatrici dai ventri molli e sproporzionati si muovono nude, al ralenti, sopra delle piattaforme; è l’installazione di un’arte performativa tendente al trash, opera dell’artista insonne e depressa Susan, ed è la sequenza con la quale si apre questo secondo lungometraggio di Tom Ford, stilista con vincenti ambizioni cinematografiche. Animali notturni si ispira al romanzo Tony & Susan di Austin Wright ed è un noir che bilancia la tensione del thriller più puro a quella emotiva legata alle relazioni amorose che si fanno complicate; è pure uno sguardo in tralice sull’universo fasullo, egocentrico e opportunista degli artisti, dal quale è possibile desumere un sottile collegamento con il mondo delle passerelle a cui è abituato Ford.

Continua a leggere “contemporary stuff: Animali notturni, di Tom Ford”