contemporary stuff: Life – Non oltrepassare il limite, di Daniel Espinosa

life 1Raramente mi è capitato di cambiare idea su un film nei giorni immediatamente seguenti la visione e senza averlo rivisto, ma soltanto soffermandomi a ragionare meglio su un determinato aspetto. Intendiamoci: non che abbia mutato giudizio in maniera radicale. Per me Life era e resta un onesto – e niente più – film di fantascienza, che funziona bene da un punto di vista strettamente narrativo e sotto il profilo dell’intrattenimento. Quello su cui ho cambiato decisamente parere è un aspetto che di primo impatto mi aveva fatto pesantemente storcere il naso (e, credo, non solo al sottoscritto): il finale “telefonato” (come l’ha definito Leo Ortolani).

Ma andiamo con ordine, partendo da un breve accenno sinottico.

Continua a leggere “contemporary stuff: Life – Non oltrepassare il limite, di Daniel Espinosa”