contemporary stuff: High Rise – La rivolta, di Ben Wheatley

Nella primavera del 2015, durante un corso di scrittura creativa, mi era stata consigliata la lettura del libro Il condominio di James Graham Ballard (1930-2009).

L’autore, celebre scrittore di fantascienza britannico, aveva descritto nella sua opera la discesa negli abissi della follia e della violenza degli abitanti di un lussuoso condominio, concepito per offrire ogni genere di servizio. Una struttura che, invece, si era rivelata incapace di assicurare ai suoi inquini i servizi minimi necessari per garantire una convivenza civile.

All’epoca, da appassionato lettore di Science Fiction, avevo trovato il libro interessante, nella trama e nello stile, ma un pochino datato, figlio di quelle atmosfere surreali, molto british, degli anni ‘70 (il romanzo era uscito nel 1975 con il titolo High Rise).

Mi ero sbagliato. E di molto.

Continua a leggere “contemporary stuff: High Rise – La rivolta, di Ben Wheatley”

Speciale Oscar 2018: The Square, di Ruben Östlund

the squareRecuperato fuori tempo massimo, questo gioiello del cinema europeo è andato subito a scombussolare la mia personale Top dei film del 2017 schizzando dritto al primo posto. Ruben Östlund è un nome che mi ero già segnato nel taccuino (ok, foglio excel) dei must watch dal suo trionfo all’ultima edizione del Festival di Cannes, quando si aggiudicò una Palma d’Oro in modo abbastanza inaspettato. La conferma della classe di questo regista svedese mi è arrivata con la visione di questo eccentrico film ambientato nel mondo dell’arte contemporanea, in cui le installazioni irrompono nella realtà in modo folle e assurdo (da vedere, perchè no, in abbinata con il recente bellissimo Animali notturni di Tom Ford). Centro della narrazione è il Palazzo Reale di Stoccolma che in un futuro distopico viene smantellato per farne un museo. La fine di una delle irriducibili e anacronistiche monarchie europee viene liquidata con un rapido sketch: gli operai ridacchiano mentre la statua equestre di Gustavo II viene rimossa con un maldestro movimento dell’argano che la danneggia.

Continua a leggere “Speciale Oscar 2018: The Square, di Ruben Östlund”