100 di questi Bergman: estati idilliache e tempo nemico

bergman estateSono molti i temi e gli ambienti ricorrenti in Bergman; una stagione che certamente ha segnato la sua filmografia, soprattutto quella giovanile, è l’estate con i suoi umori, l’ozio, la malinconia. In questi due film proposti da Mubi nel percorso monografico dedicato al maestro di Uppsala l’estate nordica ci appare in tutto il suo splendore (pensate a chi vive nelle fredde e buie latitudini svedesi, a cosa significhi la svolta del solstizio!), portatrice di fughe in piccoli paradisi effimeri – come già avevamo visto precedentemente in Un’estate d’amore – e ispiratrice di peccatucci propiziati dalle gioie dello svestimento. Ritorneremo a vivere un idillio di gioventù nella stagione più spensierata con Monica e il desiderio (Sommaren med Monika, 1953) e scopriremo la pochade bergmaniana in una atmosfera decisamente scespiriana con la commedia sentimentale Sorrisi di una notte d’estate (Sommarnattens leende, 1955).

Continua a leggere “100 di questi Bergman: estati idilliache e tempo nemico”

100 di questi Bergman: due film sull’amore e i suoi demoni

young ingmar_bergmanIl nostro viaggio alla scoperta dei demoni interiori di Bergman procede e va a intercettare nel catalogo MUBI due pellicole anni ’50, unite tra di loro per il fatto di avere la parola “amore” nel titolo: si tratta del film drammatico Un’estate d’amore (Sommarlek) del 1951 e della commedia Una lezione d’amore (En lektion i kärlek) del 1954. Tranquillizzatevi subito, con Ingmar il Tenebroso non c’è mai nulla di sdolcinato e ruffiano (per storie più felici rivolgersi a Hollywood, California); l’amore qui raccontato è tormentato, lacerato, diviso, sconfitto. Anche quando il tono è quello della commedia, non c’è mai troppo da star allegri…

Continua a leggere “100 di questi Bergman: due film sull’amore e i suoi demoni”