Al cinema: A Quiet Place – Un posto tranquillo, di John Krasinski

7aquietplace201800_450E’ difficile, ormai, trovare nuovi modi in cui declinare il monster movie. Alla ricerca di un’originalità sempre più ardua da raggiungere nel cinema horror, John Krasinski quadra il suo cerchio inventandosi un accorgimento stilistico che influenza pesantemente anche la narrazione del film: tutta l’azione dovrà svolgersi in un silenzio il più possibile assoluto. Prende così forma A Quiet Place, un horror decisamente atipico che rinuncia a un elemento, quello sonoro, che fin dalla nascita del genere ha contribuito a decretarne il successo. O forse no? Perché in fin dei conti, A Quiet Place non è un film muto, e non rinuncia ai jumpscare o ai rumori inquietanti. Quindi dove è posto il filo del rasoio su cui è costretto a camminare? Semplice: la parola chiave è tensione.

Continua a leggere “Al cinema: A Quiet Place – Un posto tranquillo, di John Krasinski”

Speciale Oscar 2018: Scappa – Get Out, di Jordan Peele

scappa get out 1Manca un mese esatto alla notte degli Oscar ed è ora di rispolverare o vedere le pellicole che ne saranno protagoniste, la maggior parte delle quali uscite al cinema in questi giorni o che usciranno nelle prossime settimane. Abbiamo deciso di passare in rassegna, in questo Speciale Oscar 2018, le opere candidate come miglior film e come miglior film straniero; dunque, se vogliamo, quelle più importanti nella loro interezza. Qualcuna di esse (poche a dir la verità) sono uscite in Italia già l’anno scorso. E di alcune abbiamo già parlato:

Continua a leggere “Speciale Oscar 2018: Scappa – Get Out, di Jordan Peele”

Al cinema: La mummia, di Alex Kurtzman

La mummia 01Quella degli universi cinematografici è una moda che impazza ormai nel mondo del grande schermo. Alcuni sono ben noti, come i fumettoni di Marvel e DC, ma c’è anche quello definito MonsterVerse (su Godzilla, King Kong e compagnia bella). La Universal,  quindi, ci prova a sua volta rispolverando un tema vetusto come quello dei mostri che – dagli anni Trenta agli anni Cinquanta – caratterizzarono numerose sue produzioni horror a budget contenuto. E’ un rispolvero in grande stile, con un certo numero di star già ingaggiate o previste in futuro e un tripudio di effetti speciali. La mummia è il primo di questo previsto Dark Universe e, per forza di cose, è quanto mai lontano dall’originale del 1932, non solo cronologicamente (e non ha nulla a che fare con l’omonimo del 1999, benché ne sia considerato un reboot). Continua a leggere “Al cinema: La mummia, di Alex Kurtzman”