contemporary stuff: Io, Daniel Blake, di Ken Loach

41focjd8ftl-_sy344_bo1204203200_I Daniel Blake demand my appeal date before I starve and change the shite music on the phones!

Ay! Accento da sobborghi inglesi (come il nano di Misfits – non è veramente un nano eh, e non guardo serie), tutti dicono “ay!”, e “mi” per my ecc. Daniel Blake è sto tipo falegname calvo, ha appena avuto un infarto, i medici gli dicono che non può lavorare ma un call center gli nega l’indennità di malattia. Finisce al centro per l’impiego, dove il consiglio è chiedere il sussidio di disoccupazione, ma per averlo deve cercare lavoro, ma tanto se lo trova non può lavorare perché DLINDLON torna all’inizio senza passare dal via DLINDLON.

Continue reading “contemporary stuff: Io, Daniel Blake, di Ken Loach”