Al cinema: Cafarnao – Caos e miracoli, di Nadine Labaki

54864PAGELLA

Bambini perfetti: ***

Senso dell’abbandono: *******

Furberia e scaltrezza: ***

Sindrome del “dateme la statuetta”: *********

Di Nadine Labaki avevo visto Caramèl e l’avevo amato tantissimo. Lì, in quel centro estetico casinista nel bel mezzo della Turchia, c’era tanto amore e tanta tristezza da otturare le arterie di tutto il mondo. Nadine come regista e attrice era perfetta e la costruzione dei personaggi non era mai banale. Il dolore non era banale: veniva fuori nella poesia dei momenti di solitudine, nelle inquadrature in cui il personaggio rimaneva abbandonato con la sua mera intimità.

Qui….beh qui è andata diversamente. Qui è andata peggio.

Continua a leggere “Al cinema: Cafarnao – Caos e miracoli, di Nadine Labaki”

Speciale Oscar 2019: Cafarnao, di Nadine Labaki

Nelle sale italiane, Cafarnao arriverà solo il 18 aprile, in definitivo D.O. (Dopo Oscar). Quello che possiamo fare, dunque, è fornire una

RULLO DI TAMBURI

fanta-recensione-approssimativa-e-non-troppo-affidabile del film, che da quando è uscito a Cannes ha seminato un bel po’ di guazzabuglio e quindi ci dà comunque di che discutere.

La trama è semplice: in un Libano sofferente, i genitori di Zain non si prendono alcuna cura del loro bambino e della sorellina 11enne di lui. Del piccolo non sanno manco la data di nascita, della seconda sanno solo di volerla dare in sposa a un uomo adulto che, incurante del suo fisico abbozzato e ancora inadeguato, la metterà incinta. La bella bambina morirà di emorragie da parto mentre il fratellino, esausto della povertà, della noncuranza e dell’analfabetismo emotivo dei suoi genitori deciderà di scappare a vivere con una prostituta e il suo bimbo neonato.

Continua a leggere “Speciale Oscar 2019: Cafarnao, di Nadine Labaki”