i migliori film Netflix del 2019

Le classifiche non sono mica finite! Ecco a voi l’ultima top ten pseudo-oggettiva (l’oggettività, questa chimera!) riferita all’anno che si è appena concluso: quella dei migliori film Netflix (i cosiddetti Originals) usciti in Italia nel 2019 sulla celebre piattaforma di streaming.

Una classifica pseudo-oggettiva perché non è redatta secondo le nostre preferenze, bensì – un po’ come funziona per il nostro Termometro delle sale, che usiamo tuttavia soltanto per i film usciti al cinema – sulla base dei giudizi espressi dal pubblico e dalla critica, come rilevati da quattro siti di rilievo internazionale: Netflix Lovers, IMDB, Metacritic e Rotten Tomatoes.

Continua a leggere “i migliori film Netflix del 2019”

Tre anni con L’ultimo Spettacolo – con i post più letti, quelli meno letti e ben due premi!

L’ultimo Spettacolo compie oggi tre anni di vita. Con un po’ di fatica – ma soprattutto con un grande lavoro di squadra – siamo riusciti, dopo oltre mille giorni dal nostro debutto nella blogosfera a rispettare quel piccolo impegno che ci eravamo presi all’inizio di quest’avventura: scrivere un post indicativamente ogni due giorni, per non essere troppo invadenti con i malcapitati che hanno deciso di seguirci, ma nemmeno troppo “rarefatti”. Insomma, dando ogni tanto un segno della nostra presenza.

Continua a leggere “Tre anni con L’ultimo Spettacolo – con i post più letti, quelli meno letti e ben due premi!”

i sondaggi de L’ultimo Spettacolo: vota il capolavoro di Federico Fellini, nel centenario della nascita

20 gennaio 1920. Nasce a Rimini, da padre rappresentante e madre casalinga, Federico Fellini. Gli studi in un Liceo riminese, in pieno Ventennio fascista. La passione per il disegno, le vignette e le caricature. Il trasferimento a Roma, agli inizi del ’39, per svolgere l’attività di giornalista. La collaborazione con l’EIAR e le prime esperienze in ambito cinematografico. La partecipazione alle sceneggiature di film epocali come Roma città aperta e Paisà.

Continua a leggere “i sondaggi de L’ultimo Spettacolo: vota il capolavoro di Federico Fellini, nel centenario della nascita”

Breve viaggio nell’horror classico (in 36 film) – parte prima

Per la sua trentasettesima edizione il Torino Film Festival si è dipinto di horror, genere a cui è stata dedicata la principale retrospettiva della rassegna. In particolare, l’ormai ex direttrice del Festival ha progettato un viaggio nel periodo classico del genere, proponendo trentacinque film horror “da Caligari a Romero”. Quest’ultimo in realtà escluso, in quanto padre fondatore del New Horror. Ed infatti la pubblicazione dedicata alla retrospettiva è stata più correttamente (rispetto alle notizie diffuse ante-festival) intitolata “Da Caligari agli Zombie”.

Continua a leggere “Breve viaggio nell’horror classico (in 36 film) – parte prima”

i nostri top & flop del 2019

Nei giorni scorsi abbiamo proposto una serie di classifiche pseudo-oggettive: i top&flop del trimestre ottobre-dicembre e quelli dell’anno 2019, redatti con il nostro #termometrodellesale, e la top ten dei film più visti in Italia e nel mondo nell’anno che si è appena concluso.

Ma adesso è giunta l’ora di dire la nostra, presentandovi i top e i flop del 2019 secondo il personale giudizio di alcuni di noi. Si tratta, in buona sostanza, dei film che più ci sono piaciuti tra quelli usciti in sala l’anno scorso e di quelli che invece hanno deluso le nostre aspettative o che proprio non abbiamo digerito (dei flop soggettivi, mettiamola così).

Continua a leggere “i nostri top & flop del 2019”

Al cinema: Sorry We Missed You, di Ken Loach

Ennesimo film #maiunagioia di un allegro inverno – l’altro è A marriage story, il film che sto sconsigliando di vedere a tutte le persone accoppiate: incluso il protagonista Ricky, roscio molto this is England, che dopo anni di lavori nell’edilizia e sulla scia della crisi del 2008 si butta nella gig economy, chiede alla moglie Abby di vendere la macchina per poter comprare un furgone ed entrare nel rutilante mondo dei corrieri Amazon, dove ognuno è come se lavorasse in proprio; nel senso che tutti i cazzi sono suoi ma ha comunque qualcuno dall’alto (il capo spesso e cattivo del magazzino di spedizioni e l’onnipresente scanner elettronico) che regolano la sua vita. A te i rischi, a noi il guadagno. Amazon non è ovviamente citata. Abby fa l’infermiera a ore, in giro per tutta la giornata a ripulire/aiutare vecchi e disabili, a cui vuole anche un po’ di bene. Che in questo mondo qua mh, signò, non so se sia consentito. Abbiamo due figli, Seb, bravo ragazzo ma very stupido (del resto già il padre non è una cima), appassionato di bigiare scuola e graffiti, e Liza Jane, 11 anni. Genio. Per me la famiglia doveva riunirsi, e poi far decidere tutto a lei, che è l’unica sensata. Pure sulla Brexit, doveva votare solo lei. Io con Liza Jane ho pianto.

Continua a leggere “Al cinema: Sorry We Missed You, di Ken Loach”

i Top & Flop del 2019 (speciale Termometro delle sale)

Come dicevamo qualche giorno fa, è tempo di bilanci di fine anno e tra di essi non poteva mancare il resoconto dei Top & Flop del 2019 secondo il nostro #termometrodellesale, lo strumento con cui rileviamo il consenso del pubblico e della critica per i film usciti al cinema.

Continua a leggere “i Top & Flop del 2019 (speciale Termometro delle sale)”

books about movies: The Dark Side, di Paolo Braga, Giulia Cavazza, Armando Fumagalli

Nei film, al cinema e in televisione, i personaggi principali si dividono in Eroi (i buoni) e Antagonisti (i cattivi). I primi vincono, mentre i secondi sono destinati a perdere. I buoni sono belli, i cattivi invece brutti (in tutti i sensi). O così è stato nell’immaginario collettivo fino a non molto tempo fa. Perché in questi ultimi decenni nelle produzioni cinetelevisive i “cattivi” hanno oramai conquistato uno spazio tutto loro, una pari dignità letteraria. In un certo senso hanno vinto, perché sono bravi quanto i loro avversari, altrettanto simpatici e dotati (ebbene sì!) di una morale altrettanto valida.

Questo libro, The Dark Side, pubblicato dalla casa editrice Dino Audino, vuole raccontare come la sfera del negativo abbia conquistato un crescente spazio nella sceneggiatura cinematografica e televisiva, fino a ribaltare uno scenario consolidato. Un saggio che ha colmato un vuoto editoriale lasciato dai principali manuali di storytelling, che all’argomento hanno dedicato pochissimo spazio.

Continua a leggere “books about movies: The Dark Side, di Paolo Braga, Giulia Cavazza, Armando Fumagalli”

i film più visti del 2019 (in Italia e nel Mondo)

Dopo aver analizzato mese per mese gli incassi ai botteghini italici di questo 2019 è ora tempo di tirare le fila e vedere quali sono stati i film più visti nel nostro Paese nell’anno che si è appena concluso, per poi dare un’occhiata a quanto è avvenuto nel mondo. Molti sapranno come quest’anno si sia consumato il sorpasso ai vertici della classifica degli incassi globali di tutti i tempi, con Avatar che, dopo un decennio di vetta solitaria, ha perso lo scettro a favore di Avengers: Endgame.

E molti sapranno anche che quest’ultimo film in Italia non si è piazzato al primo posto, ma è stato superato da una pellicola – udite udite – uscita ad agosto, mese solitamente ritenuto poco redditizio dalle case di distribuzione, ma che invece ha fatto registrare affluenze record nelle sale della Penisola.

Continua a leggere “i film più visti del 2019 (in Italia e nel Mondo)”