Lo scrigno: Cristiada, di Dean Wright

Cristiada 01Lo scrigno, ovvero quei film poco conosciuti che meritano un angolino di notorietà.

Difficile analizzare un film a tema religioso senza subire le influenze del proprio retaggio socio-culturale. Quasi sempre, quando esce una pellicola pro-cristiana, piovono strali di critiche da parte di un certo pubblico di concezione atea o laica estremista. E’ quanto è accaduto anche con Cristiada, che tratta il tema della guerra cristera da un punto di vista favorevole ai ribelli. La distribuzione in vari Paesi è stata piuttosto travagliata e in sordina proprio per queste difficoltà ideologiche. Preciso che a me la propaganda religiosa o politica nei film non crea particolari problemi, quindi mi accodo alla fanbase cattolica cui la pellicola era presumibilmente destinata, dicendo che mi è piaciuto questo spettacolone epico.

Continue reading “Lo scrigno: Cristiada, di Dean Wright”

Lo scrigno: Un incendio visto da lontano, di Otar Iosseliani

Un incendio visto da lontano 01Lo scrigno, ovvero quei film poco conosciuti che meritano un angolino di notorietà.

La “storia” qui raccontata è quella di un villaggio africano, nel quale si susseguono vicende quotidiane. Ho messo le virgolette perché in realtà non c’è una vera e propria storia – se non un pezzettino di Storia – e senza dubbio manca una trama. Il regista georgiano Otar Iosseliani utilizza un taglio fortemente documentaristico per mostrare allo spettatore l’avvicendarsi dei giorni in una piccola comunità del Senegal.  Continue reading “Lo scrigno: Un incendio visto da lontano, di Otar Iosseliani”

Lo scrigno: Intervento divino, di Elia Suleiman

intervento divino2[Lo scrigno, ovvero: film semi-sconosciuti o dimenticati che a nostro avviso vale la pena andare a recuperare, per evitare che cadano nell’oblio o che passino inosservati. Questa volta tocca ad una pellicola palestinese del 2002, distribuita in Italia ma poco conosciuta. Go get it!]

Un Babbo Natale pugnalato da bambini arabi interessati più a questioni di principio che alla ricca cesta di doni che l’uomo porta sul dorso.

Vicini di casa che litigano su piccole questioni quotidiane: l’auto che ingombra il passaggio, lo smaltimento dei rifiuti, i confini delle adiacenti proprietà.  Continue reading “Lo scrigno: Intervento divino, di Elia Suleiman”

Lo scrigno: Perché un assassinio, di Alan J. Pakula

parallax[Premessa: gli articoli de Lo scrigno sono nati con l’intento di segnalare film poco conosciuti, ma degni di essere ripescati da un oblio in cui sono caduti spesso ingiustamente. Una delle pellicole a cui ho subito pensato per il mio primo post di questa rubrica, che segue quello di @aussiemazz su Nostos – Il ritorno, è stata proprio questa. Cercherò dunque di spiegare perché – a mio avviso – vale la pena di andarsi a cercare questo film di Alan J. Pakula.]

Il tema della paranoia politica e della sfiducia nelle istituzioni era entrato prepotentemente nella società americana dopo l’assassinio di John Fitzgerald Kennedy, un caso definito frettolosamente dalla Commissione Warren, che aveva appoggiato la tesi del killer solitario, sebbene lasciasse molti dubbi e questioni irrisolte.  Continue reading “Lo scrigno: Perché un assassinio, di Alan J. Pakula”

Lo scrigno: Nostos – Il ritorno, di Franco Piavoli

nostos-01Tecnicamente, Nostos – Il ritorno andrebbe classificato come peplum, dato che narra il viaggio intrapreso da Odisseo per tornare a casa. In realtà, con opere quali Ben-Hur o Troy ha poco a che spartire. Quella proposta dal regista Franco Piavoli è una rivisitazione estremamente personale del mito greco, che fa della storia – cui si accenna solo blandamente – un pretesto per mostrare immagini, suoni, pensieri.

Innanzitutto, un accenno su Piavoli: autore non troppo noto sebbene apprezzato in genere dalla critica, fu elogiato anche da Tarkovskij per il suo primo lungometraggio, Il pianeta azzurro. Regista di soli quattro film e di alcuni corti, ebbe da giovane la passione per la fotografia, che traspose poi nel cinema. Continue reading “Lo scrigno: Nostos – Il ritorno, di Franco Piavoli”